Un po' di storia

Il Dipartimento di Scienze del Farmaco è stato istituito nel 2011 a seguito della Riforma Gelmini, quale evoluzione del Dipartimento di Scienze Chimiche, Alimentari, Farmaceutiche e Farmacologiche e della Facoltà di Farmacia. 

È ubicato in due edifici in un'area industriale della città che sta scoprendo la sua vocazione allo sviluppo di imprese innovative, frutto di una cooperazione di capitale umano e finanziario tra pubblico e privato.

Le attività didattiche, di ricerca e gli uffici amministrativi si trovano nello storico ex cotonificio Wild - completamente ristrutturato - che è stato per decenni un importante bacino produttivo e di impiego della città, poi progressivamente dismesso a causa di una crisi strutturale del settore. 

Il piano di recupero dell' "area Wild", all'interno del "Programma di Riqualificazione Urbana del quartiere di S. Agabio", ha destinato il complesso all'Università. L'imponente progetto di ristrutturazione è stato sostenuto da ingenti investimenti che hanno trasformato gli edifici primari negli attuali spazi funzionali alla didattica, alla ricerca biotecnologica e agli uffici del Dipartimento di Scienze del Farmaco.

La maggior parte dei laboratori per la sperimentazione scientifica è ubicata in un moderno immobile progettato dall'architetto Renzo Piano, situato a poche decine di metri di distanza dalla sede principale. L'edificio era stato commissionato dalla società Alumix, alla guida del polo italiano dell'alluminio, che vi trasferì nel 1987 una sede per il suo Centro di Ricerca: l'Istituto Sperimentale Metalli Leggeri. L'immobile, realizzato con tecnologie di avanguardia, è oggi sede della Fondazione Novara Sviluppo e ospita il Polo Scientifico Tecnologico di Novara, dove operano centri di ricerca privati e pubblici.